648 Views

5 Dicembre 2022
CIBO SINTETICO: CON FIRMA SINDACO LIVORNO E VESCOVO GIUSTI SI ALLARGA FRONTE NO CONTRO CIBO ARTIFICIALE

Con la firma del Sindaco di Livorno, Luca Salvetti e del Vescovo, Mons. Simone Giusti si allarga il fronte del no contro il cibo sintetico che mette a rischio il futuro dei nostri allevamenti e dell’intera filiera del cibo Made in Italy. Negli scorsi giorni avevano firmato la petizione promossa da Coldiretti, Fondazione Campagna Amica, Filiera Italia e World Farmers Markets Coalition per promuovere una legge che vieti la produzione, l’uso e la commercializzazione del cibo sintetico in Italia Massimo Fedeli (Sindaco di Piombino), Daniele Donati (Sindaco di Rosignano Marittimo), Walter Montagna (Sindaco di Capoliveri) ed il Presidente del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, Giampiero Sammuri. 

LA FRANKENSTEIN MEAT: IL VIDEO

“Le bugie sul cibo in provetta confermano che c’è una precisa strategia delle multinazionali che con abili operazioni di marketing puntano a modificare stili alimentari naturali fondati sulla qualità e la tradizione. – spiega Simone Ferri Graziani, Presidente Coldiretti Livorno - Siamo pronti a dare battaglia poiché quello del cibo Frankenstein è un futuro da cui non ci faremo mangiare. E’ una battaglia di civiltà. L’adesione di migliaia di cittadini livornesi è fino a qui straordinaria così come della politica e delle istituzioni che hanno subito compreso i rischi di questa deriva senza precedenti e di affiancarci in questa battaglia”. L’obiettivo di Coldiretti è impedire che finiscano sulle nostre tavole la carne prodotta in laboratorio, il latte “senza mucche” ma anche il pesce senza mari, laghi e fiumi, le uova “covate” senza galline, il miele senza il volo delle api. Prodotti che potrebbero presto inondare il mercato europeo sulla spinta delle multinazionali e dei colossi dell’hitech. I nomi sono ben noti: da Bill Gates (fondatore di Microsoft) a Eric Schmidt (cofondatore di Google), da Peter Thiel (co-fondatore di PayPal) a Marc Andreessen (fondatore di Netscape), da Jerry Yang (co-fondatore di Yahoo!) a Vinod Khosla (Sun Microsystems).

Sono già oltre 200 mila le firme raccolte a livello nazionale. “Il cibo sintetico non è sostenibile, nessuno infatti racconta che è fatto con un bio reattore e che le particelle emesse in atmosfera rimangono lì per millenni. - prosegue il Presidente di Coldiretti Livorno, Ferri Graziani - Però poi si demonizza la zootecnia e gli allevamenti che sono una eccellenza unica, oggi siamo l’agricoltura più sostenibile al mondo e un punto di riferimento. Questa è una guerra che non possiamo perdere. E che non perderemo se avremo i cittadini dalla nostra parte”.

Il Fake Food non è purtroppo fantascienza. Ma è già in mezzo a noi: è di alcuni giorni fa infatti l’annuncio della della Food and Drug Administration (Fda) che ha già approvato un prodotto a base di carne ottenuto da cellule animali proposto dalla Upside Foods, un'azienda che produce “pollo” sintetico raccogliendo cellule da animali vivi che vengono moltiplicate in un bioreattore. Un annuncio a cui è seguito, poche ore dopo, la presa di posizione del Ministro della Sovranità Alimentare: “contrasterò in ogni sede la produzione di cibo artificiale” a tutela del Made in Italy, degli agricoltori, degli allevatori e dei pescatori”. Nel frattempo le firme raccolte a livello nazionale sono già 200 mila. “Ma la raccolta - conclude il Direttore di Livorno, Giovanni Duò - prosegue nelle nostre sedi e nei mercati. Ringrazio tutti i cittadini e le istituzioni che sono al nostro fianco in questa battaglia di civiltà per difendere le nostre imprese, il legame millenario con i territori e l’identità delle comunità. Non consentiremo che il Frankenstein Food arrivi sulle nostre tavole”. 

La petizione potrà essere sottoscritta negli uffici Coldiretti, nei mercati contadini di Campagna Amica e in tutti gli eventi promossi a livello nazionale e locale.

Quando acquisti un prodotto alimentare leggi l’etichetta?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi