299 Views

24 Ottobre 2023
LAVORO: 15 EXTRACOMUNITARI A RISCHIO SFRUTTAMENTO SALVATI DA DEMETRA, COINVOLTE NEL PROGETTO 60 AZIENDE AGRICOLE PISANE

Prevenire, far emergere e arginare sul nascere fenomeni di lavoro irregolare in agricoltura a danno dei soggetti extracomunitari vittime e potenziali vittime di sfruttamento e fornire gli strumenti formativi base per facilitare il loro inserimento lavorativo attraverso l’ausilio anche di una innovativa piattaforma online. E’ la missione del progetto Demetra di cui è capofila Coldiretti Toscana che ha permesso, in provincia di Pisa, di “salvare” 15 soggetti fragili dal rischio tratta e coinvolgere, al contempo, 60 aziende agricole del territorio nelle attività di divulgazione e nelle visite aziendali. Ai 15 soggetti salvati si aggiungono gli oltre 200 migranti intercettati dalla Cooperativa Arnera nelle province di Pisa, Livorno e Massa. Sono gli obiettivi illustrati dal neo Presidente di Pisa, Marco Pacini alla Prefetta di Pisa, Maria Luisa D’Alessandro in occasione di un recente incontro a cui ha partecipato il direttore provinciale di Coldiretti, Giovanni Duò.

“Questo progetto ci ha visto fortemente impegnati in prima linea, negli ultimi due anni, a tutela delle imprese agricole e dei lavoratori a rischio tratta. – spiega il Presidente Pacini – Lo abbiamo fatto insieme al privato sociale che ci ha permesso di individuare, sul territorio, tutta una serie di casi e situazioni di soggetti extracomunitari particolarmente esposti a fragilità ed al rischio tratta che abbiamo aiutato, formato facendoli partecipare per esempio a corsi per la sicurezza e igiene e messo nelle condizioni di presentarsi nel mondo del lavoro con strumenti e conoscenze per evitare di finire nella rete dello sfruttamento e del lavoro grigio. L’ostacolo linguistico, la totale carenza di formazione, la conoscenza dei diritti in qualità di lavoratori e la mancanza di esperienza sono infatti fattori di grande debolezza. Il grande lavoro fatto dai partner del progetto ha prodotto una analisi approfondita che, attraverso un accordo con Anci, ci aiuterà a divulgare presso gli enti territoriali così da accresce la consapevolezza dei territori sul fenomeno e provare a costruire insieme future progettualità sul fronte della diffusione linguistica, l’emergenza abitativa, trasporti”.

Lo strumento cardine che Demetra ha messo in campo è portale Jobincountry, l’innovativa piattaforma dove datore di lavoro e lavoratore possono incontrarsi in assoluta trasparenza “eliminando” il rischio di forme di intermediazione che non operano nella legalità. Il portale, che è già operativo e un video tutorial, tradotto in inglese e sottotitolato anche in arabo aiuterà i lavoratori stranieri ad iscriversi. Il protocollo prevede inoltre la costituzione di un tavolo, quale luogo di consultazione e confronto, al fine di individuare le più adeguate soluzioni in merito all’attuazione delle iniziative, nonché per l’analisi dei risultati conseguiti e la diffusione territoriale di buone prassi così da arrivare, quando possibile, sinergie finalizzate ad avviare interventi ed iniziative congiunte. “Ringraziamo la prefetta – conclude il presidente di Coldiretti Pisa – per averci accolto ed averci dato la possibilità di illustrare i contorni di un progetto che vede l’agricoltura, e la nostra associazione, impegnati quotidianamente. Un progetto che non può prescindere dal ruolo delle istituzioni, come quello delle prefetture, che rappresentano il nostro Stato sul territorio”.

Coldiretti Toscana è capofila del progetto Fami Demetra di cui fanno parte Azienda Usl Toscana Nord – Ovest – Zona Versilia, Satis (Sistema Toscano Antitratta), Università degli Studi di Siena, Cooperativa Sociale Arnera, Cat. Cooperativa Firenze, Arci Comitato Provinciale Siena, Scuola Superiore S. Anna, ASGI - Associazione per gli Studi Giuridici sull’Immigrazione, Associazione Dentro l’Orizzonte Giovanile D.O.G, Associazione Progetto Arcobaleno Onlus, Diocesi di Pistoia, Gruppo Giovani e Comunità CE.I.S, Sarah Società Cooperativa Sociale Onlus e Provincia di Siena.

Quali buone pratiche hai messo in atto nella tuo quotidianità per ridurre l’uso della plastica?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi