23 Dicembre 2020
Pasta e pacchi della solidarietà. Oggi la consegna

Pacchi della solidarietà, con pasta e cibo per le persone che stanno vivendo una situazione di nuova povertà e incertezza.
Formaggi, salumi, pasta, conserve di pomodoro, farina, vino e olio 100% italiani. Tutti prodotti di alta qualità e a chilometro zero in dono dagli agricoltori di Campagna Amica alle persone più bisognose. L’iniziativa di solidarietà è promossa da Coldiretti Pisa e Coldiretti Livorno, in una giornata straordinaria che ha chiuso un'intensa settimana di consegne.

In dono dalla Fondazione Campagna Amica, ci sono circa 25 quintali di pasta in collaborazione con la tenuta “Bonifiche Ferraresi”, a cui si vanno ad aggiungere più di 800 kg di prodotti a lunga conservazione. Coldiretti Pisa e Coldiretti Livorno hanno ricevuto queste importanti donazioni e prontamente le hanno consegnate alle realtà che si occupano di cura e assistenza sociale.

La consegna della pasta e dei pacchi della solidarietà

A Pisa e Livorno le donazioni raccolte sono state distribuite fra 14 associazioni di volontariato e realtà dell'assistenza sociale. Le realtà a cui è stata consegnata la pasta nella provincia di Pisa sono:

  • Cooperativa Arnera,
  • Cooperativa Il Simbolo,
  • Parrocchia di Sant'Apollinare di Barbaricina (Pi),
  • Parrocchia di Arena Metato,
  • Emporio Caritas Pisa "Cittadella della solidarietà",
  • Caritas Val di Serchio sez. di Molina di Quosa-Colognole-Pugnano,
  • Emporio Caritas di Volterra.

Mentre quelle della provincia di Livorno sono:

  • Associazione Volontariato San Vincenzo De Paoli Piombino
  • Parrocchi San Giusto (Li)
  • Assessorato Politiche sociali del Comune di Cecina (Li)
  • La Sorgente del Villaggio

I pacchi della solidarietà

Alla pasta si sono aggiunti i preparati e i prodotti a lunga conservazione donati da Fondazione Campagna amica. Più di 800 kg di cibo di qualità, suddiviso in una ventina circa di pacchi, da oltre 40 kg ciascuno.

Una parte verranno distribuiti dalla Caritas, tramite la Parrocchia S. Lucia di Antignano (Livorno), ad alcune famiglie numerose. I restanti pacchi sono stati consegnati alla Croce Rossa di Pisa e alla sezione pisana dell'Avis, che insieme si occuperanno di distribuirle fra i nuclei familiari bisognosi.

Tra i prodotti ci sono pasta con grano 100% italiano, salumi e legumi delle aree terremotate di Lazio, Marche, Abruzzo e Umbria. Ma anche olio extravergine d’oliva Dop, pecorino dei pastori sardi e altri generi alimentare Made in Italy. A beneficiarne sono soprattutto quei nuclei di nuovi poveri “invisibili”. Quelli che, proprio a causa del repentino peggioramento della propria condizione economica, non sono stati ancora integrati nei circuiti “ufficiali” dell’assistenza.

Un contributo determinante al raggiungimento dell’obiettivo è venuto dal management dei Consorzi Agrari D’Italia (Cai) e della Coldiretti, che hanno deciso di rinunciare a propri compensi straordinari. Infatti, hanno fatto una scelta di solidarietà, pensata per i tanti cittadini che in questo momento si trovano in difficoltà anche per mangiare.

Si tratta – spiega la Coldiretti Toscana – della più grande offerta gratuita di cibo mai realizzata dagli agricoltori italiani per aiutare a superare l’emergenza economica e sociale provocata dalla diffusione del coronavirus e dalle necessarie misure di contenimento. Una solidarietà che si va ad aggiungere a quella dei clienti dei mercato di Campagna amica, che nelle scorse settimane hanno partecipato alla “Spesa sospesa del contadino”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi