187 Views

12 Dicembre 2023
STRANIERI: + 15,2% IMPRESE AGRICOLE NELLE CAMPAGNE PISANE, LA STORIA DI GRACIELA E STEPHEN

L’agricoltura pisana è una babele di lingue, culture e storie imprenditoriali. Sono 228 le imprese agricole guidate da imprenditori stranieri in crescita del 15,2% rispetto al 2019. Un incremento poderoso, a doppia cifra, in controtendenza rispetto alla riduzione generale del numero di imprese agricole locali condotte da italiani che si è verificato negli ultimi anni (-2,3%). Non solo contadini Vip ed imprenditori di successo che hanno deciso di investire sul Made in Tuscany agroalimentare, la campagna toscana è il sogno italiano per molti immigrati che dopo un’esperienza in qualità di lavoratore dipendente sono riusciti a diventare imprenditori di se stessi e a raggiungere una vera integrazione sociale ed economica. A dirlo è Coldiretti Pisa sulla base dei dati della Camera di Commercio secondo cui l’incidenza delle imprese agricole straniere è aumentata di due punti percentuali in tre anni passando dal 6% al 7%. “Nell’ultimo triennio sono nate 30 nuove imprese agricole non italiane consolidandole come elemento strutturale del settore primario e della nostra società. Una crescita significativa che è anche un paramento importante per misurare l’integrazione lavorativa e sociale di tanti immigrati insieme al loro contributo alla crescita economica del nostro sistema. – spiega Marco Pacini, Presidente Coldiretti Pisa – Dal lavoro di queste imprese e soprattutto di tanti lavoratori stranieri dipende un prodotto agricolo su due assicurando al contempo una spinta al ricambio generazionale soprattutto nei territori marginali e difficili. Sono una forza imprenditoriale e lavorativa indispensabile che rende la nostra agricoltura multietnica; attori del Made in Tuscany a tutti gli effetti che contribuiscono ai primati del nostro agroalimentare di qualità”.

In mezzo ai numeri tante storie di impegno, lavoro, fatica e non poche difficoltà che raccontano di lavoratori che si sono guadagnati la stima degli italiani che prima li hanno accolti e poi li hanno aiutati ed accompagnati verso un percorso di integrazione imprenditoriale con il sostegno di organizzazione come Coldiretti. Tante sono le storie di ritorno, sulle tracce delle origini e dei propri avi. Un impulso che si riflette in un cambio di vita e lavorativo radicale come quello che hanno fatto Graciela Musso, 56 anni, nata in Argentina, ex avvocato, insieme al marito Stephen Norman, originario di Trinidad Tobago, ingegnere. La coppia ha scelto di vivere tra le colline di Pomarance dove hanno recuperato alcuni anni fa un oliveta abbandonata. Oggi producono olio extravergine, un prodotto molto apprezzato dalle cucine stellate. Una scelta prima di tutto di vita che ha trovato in Toscana, a Pisa, la loro ricetta della felicità.

Per quale motivo produci sprechi alimentari?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi